Secchezza vaginale: Cause e rimedi

BLOG


Il secreto vaginale è fondamentale per il benessere dell’ecosistema vulvare e per un buona sessualità. Una corretta lubrificazione è percepita come segno di giovinezza, femminilità e perfetta vita sessuale. La secchezza, al contrario, è un argomento così intimo da essere vissuto con vergogna

Biologia e Femminilità

Il rapporto fra Biologia e Femminilità è una relazione troppo spesso negletta e che invece permette di comprendere a pieno non solo il legame che unisce il corpo femminile alle sue emozioni, ma anche i meravigliosi cambiamenti a cui va incontro nelle varie fasi della vita e a cui si accompagnano diversi comportamenti e variabili stati d’animo. è quasi incredibile, infatti, come il corpo di una donna sia abituato a cambiare e come si adatti facilmente a variazioni, senz’altro fisiologiche, ma spesso molto intime, complesse e coinvolgenti. Modifiche temporanee, periodiche o definitive che regalano suggestioni diverse ed esperienze uniche, che lasciano segni visibili e profondi.

L’adolescenza

Con l’adolescenza la bambina diventa donna e il suo corpo rivela la grandiosità dell’evento mostrando i segni della sua femminilità. La fase dello sviluppo, fra i 10 e i 13 anni, è un succedersi di novità fuori e dentro di lei. Tra queste la mestruazione, un flusso mensile che l’accompagnerà per numerosi anni.

In questi anni la sua sessualità non è prepotente come quella dell’uomo, ma intima, riservata, nascosta: è la mestruazione a certificare il proprio essere realmente donna, e l’adolescente inizia così a conoscersi e a prendersi cura della propria intimità. Il flusso mestruale è gestito con l’ausilio di assorbenti esterni e tamponi vaginali e questo è il suo primo impatto con la lubrificazione della vagina: l’attrito provocato dai tamponi puo’ infatti essere fastidioso e potrebbe provocare indesiderate irritazioni locali. Le va quindi spiegato che se l’inserimento dell’assorbente interno è doloroso la causa potrebbe essere una temporanea secchezza vaginale e non un fenomeno d’intolleranza.

La maturità

Con la scoperta della sessualità la donna ridefinisce il significato profondo della propria intimità e con il rapporto sessuale, il concepimento e l’allattamento va incontro a momenti e fasi meravigliose della sua vita. La gravidanza e i primi mesi di vita del neonato possono pero’ non esaltare la sua femminilità e spesso lo stress del nuovo impegno col figlio, le abitudini cambiate e gli orari stravolti attenuano il suo desiderio sessuale, cui corrisponde una transitoria carenza di lubrificazione vaginale. Difficilmente la donna dichiara questo fastidio al partner. Questa situazione si puo’ verificare anche in coppie che fanno ricorso a sistemi anticoncezionali quali la pillola o il profilattico.

La menopausa

Ma il momento in cui la secchezza vaginale maggiormente incide sulla perdita di libido è nella fase della menopausa. Quando cioè l’attività ovarica si esaurisce e cessano definitivamente sia le mestruazioni che la capacità riproduttiva. A livello dell’apparato genitale il disagio nei rapporti sessuali si accompagna a un’atrofia della mucosa vaginale, bruciore, prurito e talora perdite ematiche. Le classiche ricerche di Master & Johnson hanno pero’ dimostrato che la caduta della libido non è legata alla diminuzione dei livelli di estrogeni nè che cio’ avviene automaticamente con l’arrivo della menopausa. Infatti il 50% delle donne in menopausa non lamenta un calo di desiderio sessuale e solo il 20% riporta una scarsità di libido.

Secondo alcuni ricercatori è la secrezione vaginale diminuita che provoca fastidio durante il rapporto sessuale, meccanismo che puo’ innescare la caduta della libido. La conferma verrebbe dal fatto che la depressione che caratterizza la presenza di patologie gravi dell’apparato genitale femminile e che portano alla rimozione delle ovaie o all’isterectomia si accompagna quasi sempre a una ridotta lubrificazione vaginale e a un inevitabile calo della libido, a qualsiasi età avvenga l’intervento. Da recenti indagini di mercato, risulta che le donne con secchezza vaginale non sanno da che cosa dipenda questo disturbo e che sono molto riluttanti a parlarne non solo al proprio partner ma anche al medico o al farmacista. Molte la collegano all’invecchiamento o credono che si tratti della conseguenza di una malattia seria o di problemi psicopatologici. Lo stesso concetto di lubrificazione vaginale è vissuto come vergogna o tabu’, appartenente piu’ a una sfera erotica che al benessere psicofisico.

No a soluzioni fai da te

Per questo tentano soluzioni artigianali e casalinghe come la loro stessa saliva, l’olio da cucina, varie creme o la classica vaselina. Vergogna, tabù, inibizione, disagio, inquietudine, senso d’inadeguatezza diventano fasi di un processo psicologico regressivo che talvolta è aggravato dalla difficoltà ad accettare un nuovo ruolo nella società: quello di nonna, di pensionata, di donna anziana e meno attraente.

Mentre tutti gli studi sulla sessualità tendono a dimostrare il contrario: che l’amore e il desiderio sessuale, se vissuto con piacere e divertimento, non hanno limite d’età mentre la mancanza di fiducia in se stessi incide drammaticamente nelle situazioni di intimità sia fra i giovani che fra la popolazione matura. È per questo che spiegare alla donna le varie condizioni che possono incidere sulle transitorie carenze di lubrificazione vaginale può aiutarle a capire che tante altre hanno lo stesso sintomo e stanno vivendo lo stesso disagio e che non devono immaginare il lubrificante come il tipico prodotto da sex shop, usato dagli uomini e da nascondere nel cassetto. Ma al contrario come una formulazione che può facilitare l’espressione della propria femminilità, da richiedere semplicemente al proprio medico o al farmacista.

Il liquido vaginale

È il lubrificante naturale della vagina e della vulva a elevata acidità (pH intorno a 4,5) dovuta a un alto livello di acido lattico (2-3%) che varia per la presenza di glicogeno e di bacilli di Doderlein. La sua carenza priva la donna di una difesa naturale e favorisce la presenza di microorganismi patogeni

Quilene

Quilene Gel:  grazie alla sua azione idratante e filmogena naturale, contrasta gli arrossamenti e le secchezze della zona intima, tramite il suo effetto lubrificante e lenitivo, rispettando l’ecosistema vaginale. E’ compatibile con il profilattico ed utilizzabile in ginecologia.

Quilene Latte: detergente intimo in crema, non schiumogeno, privo di solfati. Estremamente tollerabile, dona freschezza e benessere. dona una detersione intima ultra-delicata, lenitiva ed emolliente. E’ indicato su soggetti sensibili, intolleranti ai comuni detergenti ed è utilizzabile in ginecologia: in presenza di secchezza, durante ciclo mestruale o menopausa.

Fonte: La Pelle

Immagine: YouDonna



logo-white-footer

Pelle sana è sinonimo di bellezza, per cui il punto di partenza per ottenere bellezza attraverso un cosmetico deve sempre essere: riportare la pelle al suo equilibrio naturale.
C’è una sottile relazione fra benessere mentale, pelle sana e bellezza: i nostri prodotti lavorano per diventare il punto di incontro fra queste tre strade.

Ultime News

Copyright by ITALPHARMA SRL - P. Iva: 11497740016 - © 2018. All rights reserved.